Costantini Glass Beads di Moretti Alessandro

calle del cimitero 11, 30141 Murano
Tel. 041739274
FAX 041739075
info@costantiniglassbeads.com
www.costantiniglassbeads.com
Costantini Glass Beads di Moretti Alessandro

La fusione tra il passato e il futuro, tra la tradizione e l’innovazione, è la mia qualità.

Io, Alessandro Moretti, ho trascorso la mia infanzia nella storica azienda del nonno che di giorno in giorno amava spiegarmi le vari lavorazioni del vetro e i segreti di questo mestiere.
Ammiravo i suoi operai tirare le lunghe canne di vetro che sarebbero diventate conteria, e le impiraresse, quelle donne con in mano 40 aghi contemporaneamente che preparavano i vari mazzi e le frange che tessevano con i telai.

Tutto era magia, ma io sono sempre stato un ragazzo dinamico, che ama sperimentare e guardare al futuro.
Decido così nel 2006 di costituire la ditta Costantini glassbeads di Moretti Alessandro e iniziare un nuovo percorso.

Sperimento nuove tecniche di lavorazione cercando di far uscire dalla fusione delle canne di vetro, perle sempre nuove da un sapore tradizionale ma allo stesso tempo rivolto alla modernità.
Ciò che produco spazia dalle perle veneziane prodotte con l’antica tecnica ad aria, perle a lume, collane, bracciali, orecchini, accessori moda, frange moda o per paralumi, complementi d’arredo fino alle bomboniere. Non dimenticando però di inserire la conteria che pesco dalla vasta quantità di magazzino prodotto dalla mia famiglia.

I miei obbiettivi aziendali e personali, sono il rilancio dell’originale perla in vetro di Murano prodotta esclusivamente nella famosa isola, la ricerca e lo sviluppo di nuove lavorazioni e il mantenimento e la conservazione di vecchie tecniche tramandate di padre in figlio, o nel mio caso nonno nipote, sin dai tempi della Serenissima.
Ecco perchè dedico il mio tempo anche all’aspetto culturale, ho relazionato in alcune delle più importanti università d’Italia, esposto in gallerie d’arte, collaborato con alcuni scrittori e partecipato a sfilate moda.

Share
Facebook wall
Twitter
Grazie al contributo di: